venerdì 7 settembre 2012

Il commissario Nardone: anticipazioni seconda puntata

Ieri è andata in onda la prima puntata del Commissario Nardone, diretta da Fabrizio Costa; scopriamo cosa è accaduto.
Primo Episodio "Penicillina mortale"
Arrivato a Milano, Nardone inizia ad indagare sull'omicidio di un famoso avvocato del capoluogo lombardo.
Sul suo corpo trova della penicillina, la stessa che è stata rubata pochi giorni prima da un deposito di medicinali.
Controllando le ricevute di consegna, scopre che l'autista del carico è il cugino dell'agente Sorrentino.
Alla fine, dopo aver organizzato il piano per catturarlo, finalmente lo arrestano insieme al suo complice, l'agente Tucci.
Intanto Nardone inizia a creare una rete di informatori e la sua informatrice migliore è la meretrice Flò che gli rivela che il famoso gioielliere Barone in realtà è un usuraio.
Secondo Episodio "La banda Dovunque"
Una delle bande più importanti di Milano, Dovunque, nella sua ultima rapina ferisce, con un colpo di pistola, una guardia giurata.
Il giorno dopo la squadra di Nardone ritrova l'auto, usata per la rapina, bruciata e iniziano ad interrogare alcuni meccanici.
Uno di questi rivela i nomi di tutti i membri della banda e Nardone li arresta tutti tranne uno, il famoso Bosso, un ragazzo che lavora per Barone.
Grazie ad un informatore siciliano, la squadra cattura Bosso e l'uomo rivela tutti gli affari del gioielliere.
Purtroppo però il ragazzo, il giorno dopo, riesce a fuggire e il commissario riprende le indagini per catturarlo nuovamente, soprattutto con l'aiuto di Flò.
La seconda puntata, invece, andrà in onda giovedì 13 settembre; ecco le anticipazioni sui prossimi due episodi:
"Tradimenti": A Milano viene ritrovato il corpo di una donna in un auto.
Si tratta di Sofia Piacentini, la moglie di una famoso avvocato.
"Il Falsario": Giorgio Pandolfini, il tecnico che intercettava le telefonate di Bosso per il commissario, viene trovato morto.
Secondo la squadra è stato ucciso da qualcuno mandato da Bosso, dopo che questo si era accorto di essere controllato.


Nessun commento:

Posta un commento